Social Media Marketing

Facebook e visibilita’ organica delle pagine: calano gli Status Update ma emergono i video.

Periodicamente EdgeRankChecker, piattaforma di analisi e monitoring dei trend di Facebook, rilascia dati circa l’andamento dell’algoritmo che determina la visibilità organica delle pagine Facebook.
Il 21 gennaio Facebook ha annunciato che presto le pagine avrebbero visto un calo di visualizzazioni negli status update, in quanto secondo loro, tipologia di contenuto più adatto per un utente che per una pagina.

L’ultimo aggiornamento di EdgeRankChecker mostra infatti proprio un calo degli status update a seguito dell’annuncio che si rivela essere di circa il 40%.

Status-Update-Reach-Change-Jan2014

La situazione a livello di reach

Content-Type-Reach-Change-Jan2014

A sorpresa però, raffrontando ora la le visualizzazioni raggiunte per tipologia di contenuto di ora rispetto a prima del 21 gennaio, viene fuori che i video hanno superato gli status update quale contenuto che permette di generare maggiori visualizzazioni.

Content-Type-Eng-Change-Jan2014

E questa la variazione in termini di engagement, con i video quasi a parità delle immagini per numero di interazioni medie raggiungibili.

Cosa vorrà dire il trend?

Probabilmente questo avrà qualcosa a che fare con la possibilità di sfruttare campagne ads sull’auto-play dei video. Le aziende che possiedono video proprietari, possono ora pensare bene di sfruttarli (pensiamo anche agli hangout on air, per la realizzazione di video a basso costo), anche se, a mio avviso, il contenuto più coinvolgente, al di là della metrica delle visualizzazioni, resterà sempre l’immagine.

Ricordiamoci che Facebook (ma un po’ tutti i social network) sono delle piattaforme in cui regna il visual content e l’utente medio ha sempre meno tempo a disposizione (anche rispetto a perdere alcuni minuti per mandare in play il video) e l’immagine è quel contenuto che più si presta ad un’interazione pressoché instantanea.

Resta poi anche vero, che le immagini generano sempre più condivisioni e le condivisioni sono lo strumento attraverso il quale possiamo garantire una maggiore esposizione (quindi visualizzazioni) ai nostri contenuti.

Co-founder dell'agenzia, laureato in Marketing e Comunicazione d'azienda. Esperto di SEO e Content Marketing e autore del libro "Content Marketing per Blog, Social e SEO". Con esperienza quasi decennale, progetta strategie digitali orientate allo sviluppo di visibilità online. Come consulente SEO ha lavorato in prima persona a differenti progetti complessi in settori ad elevata competizione, costruendo da zero progetti da oltre 20 mila visitatori giornalieri. Segue costantemente tutti gli aggiornamenti algoritmici di Google, di cui scrive poi regolarmente le sue analisi su questo blog e si occupa di seguire siti web che perdono traffico organico individuando problematiche e fornendo strategie risolutive. E' speaker alle più importanti conferenze nazionali sulla SEO e web marketing (Convegno GT, Search Marketing Connect, SMXL, BeWizard, ecc.) oltre ad aver formato numerosi SEO di aziende ed agenzie in corsi di formazione super avanzati. Scrive di SEO anche sul blog ufficiale di SEMrush.

Guarda tutti i post di

Area di discussione: dicci la tua!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Grazie per lo share!

Puoi decidere di non perdere neanche un contenuto del nostro blog!

Iscriviti alla nostra newsletter genuina.
Promettiamo solo 2 contenuti a settimana, e solo post! (NO SPAM, NO MAIL PROMOZIONALI)

Inserisci la tua mail