web 2.0

Progetti social partecipati dal basso: il caso “Liguria, il Turismo che vorrei”

Un prodotto turistico come una località, un viaggio, una struttura ricettiva o un prodotto eno-gastronomico tipico di una luogo possono essere promossi nel web in vari modi e con differenti strumenti operativi e strategici. Alla base di tutto però ci deve comunque essere il fatto che tali prodotti siano eccezionali, perché gli strumenti del web restano comunque dei canali ma è il prodotto che permette loro la diffusione dei contenuti nei canali.

Il social media marketing è poi una sotto branca di un approccio sociale molto più grande e complesso che, grazie a diversi eventi (se così possiamo definirli) intercorsi negli ultimi anni, ha preso piede; parliamo infatti del marketing dell’ascolto e della conversazione. Sintetizzando, se non fosse stato per la crisi dell’advertising tradizionale e la nascita dei nuovi media partecipativi che hanno reso il consumatore sempre più eclettico e avveduto nelle proprie scelte economiche, oggi non si potrebbe parlare di social media marketing.

I progetti che nascono dal basso e richiedono la partecipazione attiva dell’utente sono i miei preferiti, in fondo questo è quello che dovrebbe essere oggi il nuovo marketing: coinvolgere il singolo utente nella progettazione, ideazione, costruzione e distribuzione del prodotto. Il prodotto che nasce dal basso sarà quello che avrà maggiori possibilità di essere venduto e avere il più elevato livello di customer satisfaction. Sono tutte queste le premesse con cui nasce “Il turismo che vorrei in Liguria“, un progetto turistico per la promozione partecipata del Piano Triennale del Turismo in Liguria. Come valorizzare una località turistica? Sicuramente migliorandola ok, ma come fare a migliorarla? Coinvolgendo gli stessi cittadini a cui la propria terra deve stare a cuore prima ancora del turista stesso. La base dell’assunto è molto semplice: il prodotto vende se è eccezionale e tale lo fa diventare l’ideatore del prodotto stesso.



Il turismo che vorrei in Liguria si presenta quindi come un blog, ma che poi un semplice blog non è. Il blog sarà soltanto l’interfaccia su cui due categorie di soggetti che in passato non dialogavano e spesso non si comprendevano, potranno ora confrontarsi e dialogare. Da una parte ci sarà la Regione Liguria, in veste di Assessorato al Turismo, che sarà il soggetto preposto all’ascolto di idee, conversazioni, commenti e proposte che avranno l’obiettivo di orientare le scelte del Piano Triennale della Liguria adattandole all’evoluzione della domanda di mercato, ma al tempo stesso anticipando proposte e risposte dei liguri rispetto ai trend e cambiamenti continui.

Dall’altra parte ci saranno gli utenti
, operatori turistici, rappresentanti politici, tecnici di istituzioni e gli stessi cittadini che avranno modo di proporre le loro idee, commentare e valutare quelle di altre.

I progetti di empowerment involved sono quelli che affidano all’utente/consumatore il potere e gli danno modo di rendersi partecipe del prodotto che egli stesso consumerà e progetti come quello del Turismo che vorrei in Liguria, si affiancano ad altri del passato come quello del Mulino che Vorrei della Barilla, oppure First Laif, progetto di cittadinanza attiva per i giovani pugliesi di cui siamo stati partner promotori per i social. Che dire quindi se non che questo progetto si merita il nostro indice all’insù? 😉

Co-founder dell'agenzia, laureato in Marketing e Comunicazione d'azienda, ha fatto dei Motori di Ricerca e dei Social Media la sua passione. Esperto di Content Marketing e autore del libro "Gestisci Blog, Social e SEO con il Content Marketing" si occupa di sviluppare strategie digitali finalizzate alla crescita di visibilità e fatturati di grandi aziende e Pmi.

Guarda tutti i post di

Area di discussione: dicci la tua!

Grazie per lo share!

Puoi decidere di non perdere neanche un contenuto del nostro blog!

Iscriviti alla nostra newsletter genuina.
Promettiamo solo 2 contenuti a settimana, e solo post! (NO SPAM, NO MAIL PROMOZIONALI)

Inserisci la tua mail