SEO, Social Media Marketing

Si può fare SEO con TikTok?

Quando parliamo di TikTok, lo definiamo sempre come una piattaforma social; non tutti sono d’accordo e a buona ragione. A voler essere precisi, TikTok è una video platform dedicata all’intrattenimento, più vicina a YouTube che a Facebook. E, proprio come YouTube, si può usare TikTok anche nella SEO.
In questo articolo affronteremo l’argomento da due punti di vista:

  1. usare i principi della SEO per far decollare un account business su TikTok;
  2. usare TikTok per posizionarsi su Google e su altri motori di ricerca tradizionali.

TikTok: social o motore di ricerca?

TikTok è sempre meno un social e sempre di più un motore di ricerca, specie tra i più giovani. Che debbano cercare un libro da leggere o una nuova meta per le vacanze, è sempre più frequente che lo facciano su questa piattaforma piuttosto che su Google.
La cattiva notizia: è sempre più importante aprire un account aziendale su TikTok. La buona notizia: la piattaforma è meno caotica di quel che sembra e si può sfruttare la SEO anche su TikTok.

Le keyword migliori per la SEO su TikTok: dove trovarle?

Come in ogni strategia SEO o social che si rispetti, tutto inizia individuando il target di riferimento e i competitor. Senza questa prima fase, tutto il resto è perfettamente inutile. Una volta fatto questo, si può passare al secondo punto: la ricerca delle keyword più interessanti, quanto meno per gli utenti che ci interessano.

Gli strumenti SEO tradizionali aiutano a farsi un’idea di massima, ma non sono pensati per esaminare le ricerche interne a TikTok. Per costruire una strategia un po’ più precisa, servono tool di ricerca concepiti appositamente per TikTok.

  • Autocompletamento. Il modo più semplice per trovare keyword a coda lunga è inserire una keyword generica nella barra di ricerca e aspettare: sarà TikTok stesso a suggerirti le varianti in ordine di popolarità. Utile, ma non fornisce informazioni sui volumi di ricerca.
  • “Altri hanno cercato”. In base alle tue ricerche, TikTok ti suggerisce query che potrebbero interessarti (e interessare il tuo target).
  • TikTok Creative Center. TikTok mette a disposizione uno strumento per analizzare i trend di ricerca, gli hashtag più popolari nelle diverse categorie, i creator con le performance migliori. Utile soprattutto come punto di partenza per ricerche più approfondite.
  • Keywordtool.io. Un tool SEO per TikTok e non solo: Keywordtool consente di visualizzare i volumi di ricerca su TikTok (cosa che i tool visti sopra non fanno), nelle varie categorie di Amazon e su molte altre piattaforme.

Dove inserire le keyword

Individuate le keyword più interessanti, non ti resta che realizzare dei video a tema.Proprio come nella SEO tradizionale, la cosa fondamentale è usarle in modo naturale e coerente. Ricorda inoltre di inserire i sottotitoli.

Oltre che all’interno del video, usa le keyword scelte anche nella caption del video. Contrariamente a quello che pensano in molti, è importante che sia dettagliata e ben scritta. Usare hashtag pertinenti è importante, ma una caption fatta di soli hashtag non basta.

Infine, ricorda di ottimizzare anche il tuo profilo. Inserisci informazioni e keyword rivelanti anche all’interno della bio e aggiornala con costanza.

Combina queste informazioni con quelle viste nell’articolo “A che ora postare su TikTok”: i risultati non si faranno attendere. Gli algoritmi saranno in grado di identificare subito gli argomenti che tratti, così da consigliarli agli utenti potenzialmente interessati e aumentare le probabilità di successo.

Far posizionare i video di TikTok in SERP?

Oltre che all’interno della piattaforma, i video di TikTok possono posizionarsi anche in SERP, sia tra i risultati di ricerca sia nei featured snippet. In che modo?

  1. Scegli query che funzionano meglio con i contenuti video. Ad esempio, la prima pagina di “come allacciare le air force 1” è dominata da video tutorial, alcuni dei quali sono stati postati su TikTok.
  2. Assicurati che la caption sia dettagliata e comprenda le keyword che ti interessano, come visto sopra.
  3. Condividi i video di TikTok su piattaforme di microblogging, come X o Threads, e incorporali nei post sul blog aziendale (se possibile). Questo aiuta non solo a far circolare di più il video, ma anche a migliorare il valore dei contenuti sul blog aziendale.

Non è mai solo SEO o solo TikTok

Come puoi ben vedere, è sempre più difficile separare in modo netto i diversi ambiti del digital marketing. Le diverse piattaforme collaborano e si influenzano a vicenda: ormai è pressapoco impossibile puntare solo sulla SEO, solo su TikTok, ecc. Serve una strategia organica, che abbracci tutte le piattaforme utili per il brand.

Man mano che la presenza online si complica, diventa sempre più importante collaborare con professionisti del settore. Scopri i servizi di WebInFermento e dai corpo alla tua presenza online.

Co-founder dell'agenzia, si occupa di sviluppare strategie Social e di Link Building intervenendo nell'ideazione, scelta e creazione dei contenuti nonché sviluppo dell'interfaccia comunicativa dei contenuti. In ambito design è occupata nello sviluppo di siti web, dalla radice all'interfaccia, e nella realizzazione di contenuti che siano più efficaci per comunicare in rete: infografiche, grafiche specifiche per i Social, User Interface per siti e landing page.

Guarda tutti i post di

Vuoi dire la tua?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.