social media

Nuovo Google+: un’esperienza tra qualcosa che funziona e qualcosa meno

La Google plus mania è ricominciata! A scatenare il rilancio è stato il recente annuncio di Google sul rifacimento completo del look del suo social, motivo per cui in cima alla lista dell’attenzione dei social media marketer è riapparso il moribondo canale.

Un cambiamento che sembra dettato probabilmente dalla diminuzione dell’afflusso di utenti che utilizzano il canale o forse dal tempo di permanenza ormai limitatissimo, ma che al contempo rientra in un percorso di ricostruzione dell’assetto dei vari servizi che il canale offre secondo la logica di “Everything in its right place: tutto al proprio posto.

Ed ecco che in pochi mesi abbiamo dovuto dare un addio definitivo (forse?) a Google Places ora inglobato in MyBusiness, YouTube che è stato scollegato da Google e Google scollegato da Google+!

Inoltre con l’introduzione qualche mese fa dell’utility “Raccolte”, lanciate ufficialmente a maggio con la sensazione d’uso più di un test che di una reale feature, al fine di capirne l’utilità per l’utente, si è avuta una reale ventata di novità al canale.

Un lavoro meticoloso è stato fatto anche sulle Community, feature di vecchia data, ma vero centro nodale del canale. Sarebbero proprio queste ultime infatti ad essere l’elemento cardine del social sul quale assolutamente puntare per renderlo indispensabile nella vita quotidiana degli internauti.

Insomma sembra che, dopo qualche tempo di totale stallo, si sia finalmente giunti ad una conclusione: l’uso del canale va arricchito e perfezionato.

E quel che è ancora più chiaro è che il team sta concentrando la proprio attenzione sul potenziamento proprio di “Raccolte” e “Community”, dato che si evince chiaramente dal post annuncio. Sembra infatti che, dopo un’attenta analisi di ascolto e raccolta di impressioni degli utenti, si sia arrivati alla conclusione che queste due aree debbano esser maggiormente sviluppate.

In tutto questo fermento rinnovativo, quello del layout sembra il completamento del rinnovo dei servizi di Google.

Google+ redesign: tra gioie e dolori

Ma veniamo a quanto annunciato. Attualmente sembra siamo ancora in una fase di test. Come leggerete in seguito molte cose sembrano ancora ad uno stato embrionale, benché ampiamente collaudate in passato, e la percezione è proprio quella di essere in una fase beta. Tuttavia abbiamo deciso di raccontarvi il nostro approccio con il nuovo layout.

A primo impatto possiamo confermare che il nuovo Google+ è pressoché irriconoscibile.

In senso positivo o negativo non sappiamo ancora, fatto sta che dobbiamo ancora bene capire prima come abituarci al nuovo modo di navigare tra i contenuti, ma soprattutto abituarci alla logica dietro questo stravolgimento dello modello iniziale. Non so voi, ma la prima sensazione che abbiamo avuto è la mancanza di qualcosa, come il non esser “a casa mia”, ma di entrare in una nuova dimensione d’uso. Di seguito il dettaglio.

La vera svolta il menu principale

Il cambiamento più importante è il menu principale. Sommariamente possiamo dire che gli elementi come li conoscevamo sono rimasti ai loro posto (“Everything in its right place” ), ma molte cose sono state tagliate fuori e di questo è possibile accorgersene guardando il menu principale laterale.

menu

Conservato nella sua posizione ok, ma le prime domande che si fanno appena lo si vede sono:

  1. le cerchie? Dove sono finite le cerchie? In questa versione di lancio sembra che non sia stato previsto che per default il sistema permetta la visualizzazione di singoli contenuti provenienti da specifiche cerchie, ma possiamo rimediare. Dal menu impostazioni, scorrendo verso il basso è sufficiente attivare l’opzione “Attiva stream dalle cerchie durante la navigazione” e dopo pochi istanti ecco la voce di menu bella e pronta che appare sul lato.Stream dalle cerchie
    Gli elementi discutibili di una simile scelta, abbandonando la selezione orizzontale a cui eravamo abituati, è il dropdown menu che si viene a creare, associato ad una fastidiosissima scrollbar per la selezione delle cerchie: effetto frame molto datato! 
    Probabilmente è un bug, quindi andremo giù di feedback. Ma quello che più ci incuriosisce è: come questa scrollbar verrà gestita nel caso di utenti che hanno uno numero molto elevato di cerchie?

    Schermata 2015-11-19 a 13.39.27

  2. Altra mancanza è “Temi caldi” ed Eventi che fine hanno fatto? Sono stati così cattivi da rientrare tra le scelte sacrificali del menu? Evidentemente non sono stati mantenuti per scarso utilizzo o per un utilizzo corretto. Chissà!
  3. Dal menu scompaiono anche Pagine, accessibile come prima anche dal menu di opzione del profilo, ed Hangouts che al momento non si conosce come sarà raggiungibile.

Mancano anche i repost per salvare un contenuto nelle Raccolte, perso anche l’upload multiplo delle immagini e l’organizzazione in album, allo stato attuale è possibile caricare una sola foto per volta, e non apprezzo il +1 sui commenti, assegnabile solo esplorando un menu a tendina laterale.

Ricondividi-raccolte

Repost, ci mancherai!

Non mi piace per nulla il fatto che le informazioni di profilo siano state relegate ad un popup abbastanza poco navigabile e che non siano subito visibili le info lavorative, prediligendo invece il motto.

InfoProfilo

popup_profilo

Popup su info del profilo

Sicuramente i profili con questa visualizzazione ne escono ampiamente penalizzati ed è per questo che ritengo che il punto sul quale maggiormente insistere nel riportare il tutto ad uno stato precedente riguarda proprio questo aspetto. Un social network non può avere un profilo utente così poco ricco e ridotto all’osso.

Cambia l’area di condivisione, molto minimal e total-white, in cui ho incontrato un po’ di difficoltà nel controllo della visibilità nel post. Nella condivisione ho notato anche l’impossibilità di creare album fotografici, allo stato attuale sembra possibile caricare una sola immagine alla volta.

Condivisione_post

Forse c’è qualcosa di buono…

Per non fare in tutto e per tutto la disfattista, considerato anche che Google+ è tra i miei canali social preferiti, posso dare un punto a favore nell’omogeneizzazione delle grafiche per le varie aree che si è essenzialmente avvicinata a quella di MyBusiness. Dunque lo studio sul design mi è piaciuto molto, anche l’organizzazione delle singole pagine.

Schermata 2015-11-18 a 16.05.18

Schermata 2015-11-18 a 16.05.07

Ottima la scelta di inserire il pulsantino di share in basso a destra per la scrittura di un nuovo post (sempre disponibile in Home, Profilo e raccolte) e ben visibile.

post_everywhere

 

Un punto anche alla navigazione essenzialmente più snella e meno confusionaria ed apprezzo la scelta di colore differente per ogni area in quanto fornisce all’utente subito un feedback visivo aiutandolo istantaneamente a capire dove si trova.

  • Rosso: home o meglio come hanno scelto di tradurre “Casa”;
  • Bianco: profilo e tutte le aree riguardanti i settaggi personali;
  • Verde: community;
  • Azzurro: raccolte;
  • Grigio: esplora.

g+_color

In conclusione la percezione che personalmente mi ha dato questa nuova versione di Google+ non è quella di un social network, ma di un sito che si è voluto credere Superman.

Troppa poca cura dei profili e una diversa attenzione, forse più marcata, verso community e Raccolte.
Una cosa che mi è piaciuta la fluidità degli elementi che secondo un gioco di responsive design ben studiato si dispongono in modo molto ottimale rispetto allo schermo con una visione più ampia e completa dei contenuti, anche il cambiamento dell’interazione sui post non mi dispiace.

Anche le versioni mobile per iOs sembrano migliorate sia nella fruizione dei contenuti che nella facilità d’uso ed infine troviamo la possibilità di condividere post su Facebook e Twitter direttamente dal canale.

Cosa non mi è piaciuto è il fatto di rimuovere elementi, anche piccoli, che però apportavano un certo valore nell’uso del canale. Uno su tutti è il pulsante rispondi all’interno dei commenti di un post, dimenticato, o il repost del contenuto per le Raccolte.

Purtroppo non abbiamo più il concetto di “accerchiamento”, ma anche in questo caso si è preferito piegarsi alla comune formula “Segui”.

Co-founder dell'agenzia, si occupa di sviluppare strategie Social e di Link Building intervenendo nell'ideazione, scelta e creazione dei contenuti nonché sviluppo dell'interfaccia comunicativa dei contenuti. In ambito design è occupata nello sviluppo di siti web, dalla radice all'interfaccia, e nella realizzazione di contenuti che siano più efficaci per comunicare in rete: infografiche, grafiche specifiche per i Social, User Interface per siti e landing page.

Guarda tutti i post di

Area di discussione: dicci la tua!

  • Ciao Google+ addicted e sempre sul pezzo!
    Grazie per questo articolo perché mi sono “accorta” che G+ è cambiato.
    A me piace molto di più la grafica, si avvicina parecchio alla versione mobile.
    Quello che mi chiedo è se sono state effettuate tali modifiche, molto probabilmente hanno capito che un elemento come le cerchie non è utilizzato dalla massa e che le persone preferiscono prendere spunto da G+ per poi condividere su altre piattaforme.
    Che dici… vaneggio?

    • Ciao! Per quanto riguarda l’aver nascosto le cerchie penso che sia stata proprio una grandissime svista. L’uso c’era e il bisogno di averle pure. Io che uso il social quotidianamente sento la differenza. È davvero penalizzante non poter esplorare i contenuti degli utenti sulla base della classificazione personale fatta. Più che altro perchè ero abituata ad un tipo di navigazione dei contenuti. Sto inviando pian piano feedback, spero mi ascoltino!

      Per la condivisione su altri social, penso sia una buona feature inserita come utility piuttosto che come espediente.

  • Non ci sono + le cerchie? molti usano Google+ a scopo link e perché arrivano le notifiche via email (alle cerchie) quindi adesso non arrivano? infine perchè si rientra nei risultati di ricerca…

Grazie per lo share!

Puoi decidere di non perdere neanche un contenuto del nostro blog!

Iscriviti alla nostra newsletter genuina.
Promettiamo solo 2 contenuti a settimana, e solo post! (NO SPAM, NO MAIL PROMOZIONALI)

Inserisci la tua mail