the social network

Schemer, il “to do list” di Google che sfida Foursquare. Ecco gli inviti!

Fortunatamente riusciamo anche questa volta ad entrare in possesso di un invito per questo nuovo prodotto di casa Google per capire un po’ meglio di cosa si tratta e a cosa può essere utile. La pagina “about” del sito descrive cosi Schemer:

Whether it’s exploring a new city, checking out a friend’s movie recommendation, or just finding new activities for your weekends, Schemer lets you discover new things to do, share schemes with friends, and make the most of your day.

Think you’re up for it? Join Schemer.

Il video di introduzione di Schemer parla chiaro.

Vista così può subito pensare ad un miglioramento di quanto Google stia già facendo negli ultimi anni con Google Places, Google Offers, Latitude e il più recente Google Plus. Una cosa è certa: Google vuole evolvere da semplice motore di ricerca di contenuti pertinenti a motore di ricerca sociale di contenuti basati sulla pertinenza delle raccomandazioni tra utenti (le cerchie vi dicono niente?)
Schemer ha la funzionalità di mettere in risalto gli “schemi” ideati dagli utenti appartenenti alle nostre cerchie in Google +. Per schemi si intende una sorta di “lista dei desideri” e di cose che si vorrebbero fare o si hanno in programma di fare. Appunto un “to-do-list” che fa il verso a quanto già reso possibile oggi con Foursquare.

Cos’è Schemer

Ma vediamo meglio il prodotto. Schemar si presenta come un sito web (o come una web application se preferite), con una grafica molto semplice ma ben curata e molto “social” (ricorda un po’ Twitter) e presenta 4 sezioni:

  • Homepage: da cui è possibile creare nuovi schemi, decidere se renderli pubblici o privati (ristretti agli utenti delle proprie cerchie), taggare i nostri schemi per categorie e per localizzazione geografica e visualizzare e commentare gli schemi creati dagli altri utenti.
  • Find Stuff To Do: è la pagina da cui possiamo (a tutti gli effetti) prendere ispirazione dalle cose fatte o che vorrebbero fare gli altri utenti. Quindi visualizzeremo il numero di persone che hanno inserito tra i propri schemi quell’attività e avremo un tasto per marcare l’azione di “voler fare quella determinata attività” e un altro per dire che l’abbiamo già svolta. La cosa curiosa delle liste dei desideri è che se marcheremo un’attività perché notata da uno dei nostri contatti, ciò determinerà un grado di ispirazione avuto dal nostro contatto e quest’ultimo visualizzerà in una tab le persone che ha ispirato.
  • Your schemes: mostra gli schemi da noi creati e che abbiamo aggiunto alla nostra lista desideri.
  • Profile: infine il profilo che riassume tutta la propria attività evidenziando gli utenti nelle proprie cerchie (quelle di Google+).

Ecco degli screenshot di Schemer


A cosa e a chi serve Schemer?

Sicuramente, premettendo che il database si popoli nel tempo di contenuti (liste dei desideri e attività svolte) geolocalizzati, l’utente che accede a Schemer potrebbe in teoria venire a conoscenza di un mucchio di informazioni utili nella propria città o nella città in cui intende andare, per viaggio o altro, come eventi, negozi in cui acquistare i propri prodotti preferiti e tutte le altre attività che vi vengono in mente, tutto sulla base dei propri interessi (gli schemi a cui aderiremo e probabilmente informazioni che verranno estrapolate dai nostri profili google) e in base alle raccomandazioni dei nostri utenti presenti nelle cerchie di Google +.

A cosa serve Schemer per Google?

Be’, sicuramente per dar da mangiare alla sua macchina un mucchio di informazioni pertinenti, profilate, geolocalizzate per comprendere meglio i bisogni degli utenti, potenziare tutti i suoi motori di ricerca verticali (Social Search, Places, Offers, Plus, ecc.) e, cosa da non dimenticare, guadagnare di più per l’offerta agli inserzionisti di annunci che potrebbero essere più performanti.

Vuoi un invito per testare Schemer?

Schemer è in beta test (e ormai abbiamo capito che quando fanno questa cosa degli inviti limitati lo fanno perché sono nella fase che i marketer definiscono “testing del prodotto) ma vogliamo condividere con voi, oltre che le nostre visioni, anche i nostri inviti 😀 in modo che anche voi possiate provarlo e farci sapere cosa ne pensate! Magari vi vengono in mente correlazioni che non avevamo ancora notato. Abbiamo quindi 35 inviti che distribuiremo ai primi 35 che commenteranno qui sotto lasciandoci il loro indirizzo email e magari le loro curiosità!

Ma ricordatevi anche di condividere il post! 😉

Co-founder dell'agenzia, laureato in Marketing e Comunicazione d'azienda. Esperto di SEO e Content Marketing e autore del libro "Content Marketing per Blog, Social e SEO" si occupa di sviluppare e realizzare strategie digitali finalizzate alla crescita di visibilità e fatturati di grandi aziende e Pmi. Come SEO ha lavorato in prima persona a differenti progetti complessi in settori ad elevata competizione. Scrive di SEO anche sul blog di SEMrush.

Guarda tutti i post di

Area di discussione: dicci la tua!

68 risposte a “Schemer, il “to do list” di Google che sfida Foursquare. Ecco gli inviti!”

  1. GeosocialRadar ha detto:

    Someone has an invitation left? http://geosocialradar.com/2011/12/11/schemer-google-going-geosocial/

  2. […] Schemer, il “to do list” di Google che sfida Foursquare. Ecco gli inviti! – Non so se gli inviti sono ancora disponibili ma di certo troverai un’ottima introduzione a Shemer, la novità di Goolge. […]

  3. Armysb ha detto:

    Sono arrivato in tempo per l’invito?! Spero di si!

    armysb@gmail.com

  4. Cristiano ha detto:

    Curioso di provarlo e di sperimentare. Grazie dell’invito (se c’è ancora…) 🙂

  5. Gianluca Punzi ha detto:

    ci sono anch’ioooooo….gianluca.punzi@email.it

  6. @urukwavu ha detto:

    Ciao Dario, testerei volentieri Schemer a fine turistico

  7. M Musazzi ha detto:

    speriamo solo non sia una sòla tipo google wave !!!
    potrei provarlo, per favore?
    m.musazzi@gmail:disqus .com
    grazie 1000

  8. Real Communication ha detto:

    Il post è davvero ben mirato e rende l’idea del nuovo prodotto Google!

    Complimenti..ora lo condivido sul mio profilo Twitter!Ma….un invito..piccino, piccino, non ce n’è piu’ per me? ;-)edomaster1@gmail.com

  9. Julian ha detto:

    E’ rimasto un posto?

  10. matteo ha detto:

    invito per favore… mem011006@gmail.com grazie

  11. Alessandro Chiavacci ha detto:

    come non provarlo!!!

    alessandro.chiavacci@manpower.it

  12. Antico Davide ha detto:

    Testo anch’io volentieri 🙂 antico.davide@gmail.com

  13. Mais Design ha detto:

    C’è ancora spazio per entrare?
    info@maisdesign.it (è un account Google!)

  14. Riccardo Perini ha detto:

    Se avanza un invito lo accetto volentieri 🙂

  15. Manuel Bonavoglia ha detto:

    Faccio ancora in tempo per un invito? 🙂

  16. Marzia Rey ha detto:

    Wow, sto studiando il mondo dei social network e mi interesserebbe moltissimo conoscerlo!!

  17. FERRATO VARNER ha detto:

    Sempre sul pezzo ! bravo ! Chissà se riesco ad accaparrarmi l’invito 🙂 direzione@sanpaolo-to.com

  18. Matilde Soligno ha detto:

    Gradisco l’invito! 🙂

  19. anche io vorrei provarlo!Sto facendo una tesi proprio sui social network e potrebbe essermi d’aiuto!

  20. Daniele Adragna ha detto:

    grazie!!!!

  21. Daniele Adragna ha detto:

    Eccomi! 
    Troppe novità però, non si riesce più a star dietro…

  22. pilush_v ha detto:

    Ciao Dario, eccomi! 🙂 thx!

  23. Fabry ha detto:

    bravi, sempre notizie “fresche fresche”, se possibile aspetto l’invito 😉

  24. Fabio Sferruzzi ha detto:

    Interessante come progetto. Forse riprende, con un focus ancora più specifico, proprio cio che foursquare voleva fare.. Sbloccare le città!

    PS: anche per me beta, please! 😉

  25. Anonimo ha detto:

    Invito già ricevuto! Che efficienza! Grazie grazie

  26. Luigi Aliberti ha detto:

    Mi inviti?
    Grazie

  27. Fiorella Rizzà ha detto:

    bel post, prodotto interessante, lo provo volentieri se mi date l’invito 😉

  28. Fletways ha detto:

    Mi sembra molto interessante

    Invitatemiiiiiii please

  29. Raffaele Nappi ha detto:

    Mi interesserebbe davvero testarlo. Grazie in anticipo per l’invito (mi porto avanti 😉

  30. Pierangelo Ranieri ha detto:

    Sembra twitter con un altro nome. Il 2011 é definitivamente l’anno del social. Ci stanno megtendo tutti le mani. Grazi dell’invito.

  31. Finrod78 ha detto:

    Pensavo a un’idea del genere proprio nei giorni scorsi. Come posso non provarla O:-)

  32. Manuel Pratizzoli ha detto:

    Lo proverei volentieri, grazie! 😉

    manuel.pratizzoli[at]gmail.com

  33. al wonttell ha detto:

    ciao @gangemipasquale:disqus non mi pare di aver letto nulla riguardo la limitazione agli USA, tu dove lo hai visto?
    p.s. un invito sarebbe gradito, grazie 🙂

  34. Valentina Lepore ha detto:

    Quando sono in viaggio mi piace recuperare al volo idee e spunti su cosa fare-vedere-mangiare in giro, perché è vero che sono un’amante della routard e lì ci trovo un sacco di cose utili, ma leggere cosa dicono gli altri di un posto è fondamentale.
    Sarebbe bello se questo strumento, per quanto ennesimo, racchiudesse un po’ tutte le info, ma mi rendo conto che tra blog, foursquare & co c’è già un mucchio di materiale…
    Chissà 🙂
    Potrebbe essere la svolta oppure l’ennesimo strumento di Google uguale a tanti altri…di sicuro tutto sta nella voglia degli utenti di inserire le proprie esperienze 😉

    Sarei molto curiosa di vederlo…grazie per la possibilità che offrite 😉

  35. Kiccho ha detto:

    sempre interessato a tutte le novità web e social come potrei non soddisfare la mia curiosità? in fondo se fosse diversamente non seguirei nemmeno il vostro sempre interessantissimo blog

  36. Vincenzo Costantino ha detto:

    Potrebbe tornare utilissimo a chi non sa che fare… O condividere notizie utili su cosa fare… invitatemi.. 😀 magicone@email.it

  37. Danilo ha detto:

    Interessante… non conoscevo il progetto. Grazie per le info. Se ottengo l’invito lo provo 😉

  38. Enrico Bisetto ha detto:

    Come sempre subito sul pezzo Dario, bravi ragazzi! Se mi mandi l’invito sperimento un po’ anch’io 😛

  39. Francesco ha detto:

    Mi sono registrato ieri per la beta, ma con un invito entro sicuramente prima.. 😉

  40. Gianluca ha detto:

    Ciao Dario, bell’articolo complimenti. Sono sincero: è la prima volta che sento parlare di Schemer. Attendo l’invito, grazie. 😉

  41. Raffaele Intorcia ha detto:

    Vorrei anch’io l’invito!! Grazie 🙂

  42. Fabio ha detto:

    ops partito il commento… non sarebbe male provarlo, soprattutto per l’integrazione con gli altri servizi google 😉

  43. Anonimo ha detto:

    Non mi piace imbucarmi alle feste! Accetto l’invito! E complimenti per il post

  44. Fabio ha detto:

    non sarebbe male

  45. Monofficial ha detto:

    Vorrei scoprire se posso utilizzare Schemer nell’ambito i cui lavoro. Potrebbe essere utile o potrebbe risultare solo una perdita di tempo. Attendo news sull’invito. Grazie 😉

  46. Riccardo Esposito ha detto:

    Hello! Grazie per l’articolo, sempre ben scritto. Mi farebbe comodo un invito 😉

  47. Pasquale Gangemi ha detto:

    Commento non solo per l’invito, ma non è solo per gli USA?

  48. Angelucky ha detto:

      attendo l’invitoooooooo 😛

  49. Andrea Sportillo ha detto:

    Eccomi qui! E’ già da un pò che avevo sentito parlare di questo schemer e, da deluso di foursquare, ci farei un giretto molto volentieri! 

  50. Stequa ha detto:

    Ciao Dario, mi inviti please?
    Thanx!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Grazie per lo share!

Puoi decidere di non perdere neanche un contenuto del nostro blog!

Iscriviti alla nostra newsletter genuina.
Promettiamo solo 2 contenuti a settimana, e solo post! (NO SPAM, NO MAIL PROMOZIONALI)

Inserisci la tua mail