Social Media Marketing

“Pubblico simile”: come trovare nuovi clienti in Facebook ads

Dopo aver esplorato in passato su questo blog il pubblico personalizzato delle campagne Facebook, oggi ci concentriamo su un’altra delle feature che contraddistingue Facebook Ads: il Pubblico simile. In lingua originale definito Lookalike audience o pubblico simile, è un pubblico composto da utenti con caratteristiche comuni o affini ad un pubblico di riferimento definito come pubblico di origine.

Ipotizziamo che il pubblico di origine sia formato dai migliori clienti dell’azienda: riusciremo così a creare e poi a rivolgere le nostre inserzioni ad un pubblico che gli assomiglia, per testare le ipotesi plausibili di trovare nuovi clienti e registrare minori costi di conversione rispetto ad una targetizzazione basata solo sugli “interessi”.

Efficacia del pubblico simile

Quanto è efficace il pubblico simile? Dipende dal pubblico di origine.

Se il pubblico di origine non è in target (ad esempio, se optiamo per la fanbase della pagina con like raccolti male, e formati da amici, parenti e persone poco in linea con il focus del proprio business), allora il pubblico simile erediterà la stessa incongruenza. In altre parole, utilizzare questa funzione non attribuirebbe un valore in più alla nostra campagna.

Se il pubblico di origine è in target, ma è sporco e cioè in certa misura disomogeneo (ad esempio, se optiamo per tutti i visitatori del sito web considerando che il sito viene visitato anche da utenti che hanno colto un certo interesse – come un articolo di blog su tema affine – ma sono lontani dal poter diventare nostri clienti), allora il pubblico simile erediterà la stessa disomogeneità. In questo caso, utilizzare questa funzione attribuirebbe alla nostra campagna un valore dubbio, anche se potremmo cercare di “pulirlo” targetizzando la campagna anche per “interessi”, dopo aver impostato la lookalike audience.

Se il pubblico di origine è in target, ed è anche pulito e cioè omogeneo (ad esempio, se optiamo per la lista dei nostri clienti/lead o per i visitatori di una pagina chiave del nostro sito web), allora il pubblico simile erediterà la stessa omogeneità e sarà la soluzione ideale per trovare nuovi clienti in Facebook ads.

Il pubblico di origine dovrà essere composto da almeno 100 persone, altrimenti non potrà essere utilizzato per la creazione di una Lookalike audience. Più sarà ampio, più sarà semplice costruire un ottimo pubblico simile, ma cosa molto più importante è che sia omogeneo e coerente rispetto alla personas che vogliamo raggiungere.

Facebook riuscirà a creare questo tipo di pubblico in modo efficace grazie all’enorme mole di informazioni che possiede sugli utenti, da quelle inserite da essi stessi sulla piattaforma a quelle registrate e dedotte dal loro comportamento.

Come creare il pubblico simile

Dal pannello Gestione inserzioni, possiamo accedere alla sezione pubblico e creare il pubblico simile.

Creazione pubblico simile in Gestione Inserzioni

Impostiamo allora il pubblico di origine, che può essere costituito da un qualsiasi pubblico personalizzato creato in precedenza, compresa l’opzione per il Lifetime Value della propria lista clienti per trovare persone simili a quei clienti che spendono di più complessivamente nel tempo.

Successivamente potremo scegliere il paese nel quale individuare il pubblico simile. Nella maggior parte dei casi sarà l’Italia, ma possiamo anche scegliere un paese straniero, partendo da un pubblico di origine italiano: semplicemente Facebook cercherà persone simili all’estero per le nostre campagne oltre confine. Consiglierei tuttavia di stare molto attenti a questa procedura, perché non è affatto scontato che persone con caratteristiche simili all’estero possano anche comportarsi similmente. Qui incidono nuovi fattori come la diversa cultura, mentalità e abitudini di acquisto: meglio testare con cautela onde evitare di sprecare budget considerevoli.

Durante la creazione di un pubblico simile, possiamo scegliere la dimensione dello stesso in base ad un parametro percentuale che va da 1 a 10, il quale sta ad indicare la percentuale di popolazione del paese di riferimento che lo va a comporre.

dimensione pubblico simile in Facebook ads

Possiamo quindi dedurre che, selezionando “1%”, creeremo il pubblico più ristretto e quindi più simile al pubblico di origine, perciò sarà fondamentale non rinunciare a questa opzione.

Se i risultati saranno soddisfacenti, potremmo provare a “godere” delle performance anche di porzioni maggiori di pubblico simile (fino al 10%), per raggiungere un pubblico più ampio anche se meno vicino al nostro pubblico di origine, previo test che ci consentano di verificare esattamente che il ritorno sull’investimento pubblicitario (Roas) sia positivo.

Cliccando sulla voce Mostra opzioni avanzate, avremo inoltre la possibilità di creare contemporaneamente più varianti di dimensione di pubblico simile, senza che si sovrappongano tra loro.

Opzioni avanzate pubblico simile in Facebook ads

In questo specifico esempio, ho creato 3 varianti:

  1. il pubblico simile 1%
  2. il pubblico che va da 1% a 2% escludendo il primo
  3. il pubblico che va da 2% a 5% escludendo gli altri due

Non utilizzando questo metodo, potremo sempre utilizzare l’opzione di esclusione pubblico nelle impostazioni della campagna.

Quando usare il pubblico simile

Possiamo utilizzare il pubblico simile quando dobbiamo scalare le nostre campagne. Ci troviamo in questa circostanza quando dobbiamo aumentare la quantità delle nostre conversioni, ma un aumento del budget non è più in grado di sortire effetti, o quando le prestazioni cominciano pian piano a calare per via della saturazione del pubblico: in entrambi i casi occorre trovare nuove persone, nuove personas.

Perché queste persone esistono, ma non le abbiamo mai raggiunte prima? Perché probabilmente abbiamo iniziato impostando un target per “interessi”, che per sua natura è poco preciso, su quello che avevamo individuato come il nostro cliente modello, con tutti i limiti intrinseci di questa individuazione.
Poi abbiamo utilizzato campagne con una strategia d’offerta oCPM con continue ottimizzazioni e restringimenti del pubblico per ridurre i costi delle nostre conversioni. Divide et impera.

Ma alla fine, in tutta questa opera di selezioni, ottimizzazioni e restringimenti, quanti lead e potenziali clienti abbiamo perso per strada senza mai raggiungere? Bene, forse per molti di voi è arrivato il momento di andare a riprenderseli ripartendo dalla funzione del pubblico simile.

Facebook Advertiser dal 2014 con un background nella programmazione e nel marketing. Gestisco campagne pubblicitarie online per piccole e medie imprese collaborando con l'agenzia "Web in Fermento". Aperto a nuovi progetti e nuove sfide, il mio impegno è migliorare ogni giorno guardando al futuro del mondo digital. Credo fortemente in un Marketing performante e che offra "valore" alle persone.

Guarda tutti i post di

Area di discussione: dicci la tua!

3 risposte a ““Pubblico simile”: come trovare nuovi clienti in Facebook ads”

  1. Flavio ha detto:

    ciao Salvatore.
    se il pubblico simile esclude il pubblico sorgente (es follower pagina), come posso includere nel target di una inserzione entrambi i pubblici? cioè follower + simile da follower?

    Grazie

    Flavio

    • Salvatore Antonio Sagliano ha detto:

      Ciao Flavio,
      normalmente nel campo “Pubblico personalizzato” in cui inserisci il pubblico simile, puoi inserire anche il pubblico sorgente in modo che non venga escluso.

      In caso di pubblico simile basato su azioni del Pixel sul sito web o lista di contatti, tra l’altro, il pubblico di origine non viene escluso di per sé, al contrario dei pubblici simili che hanno come pubblico di origine azioni interne alla piattaforma Facebook.

      Non si può creare un pubblico simile ai fan della pagina.

  2. […] serve e come si imposta il “pubblico simile” per le campagne Facebook? Un articolo di Webinfermento ce lo spiega nel […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Grazie per lo share!

Puoi decidere di non perdere neanche un contenuto del nostro blog!

Iscriviti alla nostra newsletter genuina.
Promettiamo solo 2 contenuti a settimana, e solo post! (NO SPAM, NO MAIL PROMOZIONALI)

Inserisci la tua mail