Social Media Marketing

La quantita’ delle interazioni social influenza la lettura dei contenuti [RICERCA]

Sui social la corsa o rincorsa all’interazione è la gara più dura che si deve, per forza di cose, affrontare quotidianamente soprattutto quando si sta gestendo la presenza per conto di terzi. Il traguardo da tagliare è quello di raggiungere un numero sostanziale di interazioni che poi diventano la metrica universale per decretare che un contenuto è stato gradito dalla propria audience e mostrare al cliente, o a se stessi, che si sta procedendo bene nel lavoro e che probabilmente il piano editoriale dei contenuti sta funzionando.

Al di là del piano editoriale, del contenuto scelto e della capacità comunicativa del community manager, oggi c’è un’altra variabile da considerare: la quantità di interazioni. Una ricerca condotta da SurveyMonkey ha preso in analisi il contenuto sulla base del successo che ha avuto con un tot numero di utenti. che è stato molto apprezzato dal pubblico ergo con un numero già sostanzioso di interazioni scoprendo che a maggior partecipazione corrisponde maggior attenzione o un maggior appeal alla lettura per chi lo guarda per la prima volta.

L’indagine è stata condotta al fine di capire le modalità di interazione degli utenti sotto l’influenza di un numero sostanzioso sul post di like, retweet e +1, quindi i canali analizzati sono stati Facebook, Twitter e Google+. Su una ricerca volontaria aperta per 5 giorni per 3000 persone, ne hanno partecipato 629 di entrambi i sessi e con un’eta compresa tra i 18 e i 60 anni senza distinzioni di reddito annuale (mediamente medio-alto) con differenti livelli di istruzione. Ad ognuno dei partecipanti è stato somministrato un questionario scelto in maniera random tra due questionari esistenti (1 e 2).

Modalità di somministrazione del questionario

Il contenuto dei sondaggi era il medesimo, per ogni canale è stato mostrato rispettivamente un post testuale per Facebook, un tweet con link per Twitter e un’immagine per Google+ ciò che variava, per ogni singolo canale, era esclusivamente il conteggio delle interazioni mostrate.

In particolare:

  • nel primo questionario, a cui hanno partecipato 374 intervistati, veniva comunicato che il contenuto aveva ricevuto un numero elevato di interazioni come in esempio:
    survey1
  • nel secondo questionario, con 255 intervistati, invece veniva comunicato che lo stesso contenuto aveva ricevuto un numero limitato di interazioni. survey2

Audience-survey

I risultati ottenuti

L’indagine di partenza ha analizzato come canale Facebook. Le informazioni che i gruppi hanno ricevuto è un testo e il numero dei like ricevuti. Per il primo gruppo i like erano pari a 451 mentre per il secondo gruppo le preferenze erano 11. Il risultato ottenuto è che, influenzati dal numero dei like, gli utenti erano più propensi a leggere quello con il numero maggiore. Eppure il contenuto era lo stesso!

influenza facebook

Medesimo risultato con Twitter e Google+. Nel caso di Twitter il contenuto del tweet era un testo con un link e nel primo questionario il testo riportava che il contenuto era stato retwittato 697, nel secondo questionario solo 6 e anche in questo caso gli intervistati hanno mostrato predilezione verso il contenuto più condiviso.

Influenza twitter

Su Google+ il contenuto sottoposto nel primo questionari, in questo caso parlava di un’immagine, era stato ricondiviso solo 312 volte mentre nel secondo questionario l’immagine riportava come conteggio solo 2 condivisioni. Provate ad immaginare il risultato? Anche su Google+ c’era accordo sul contenuto maggiormente condiviso.

influenza google+

I risultati così ottenuti hanno dimostrato che un contenuto che ha un numero sostanziale di interazioni (condivisioni, like o retweet), attira di più l’attenzione ed è più probabile che sia più notato dai contatti invogliandolo a continuare la consultazione o la condivisione.

Può esser questo processo del tutto naturale e quindi imputabile semplicemente alla natura curiosa e aggregativo/partecipativa dell’uomo? O è semplicemente un fattore di influenza? Come lo interpretate?

Co-founder dell'agenzia, si occupa di sviluppare strategie Social e di Link Building intervenendo nell'ideazione, scelta e creazione dei contenuti nonché sviluppo dell'interfaccia comunicativa dei contenuti. In ambito design è occupata nello sviluppo di siti web, dalla radice all'interfaccia, e nella realizzazione di contenuti che siano più efficaci per comunicare in rete: infografiche, grafiche specifiche per i Social, User Interface per siti e landing page.

Guarda tutti i post di

Area di discussione: dicci la tua!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Grazie per lo share!

Puoi decidere di non perdere neanche un contenuto del nostro blog!

Iscriviti alla nostra newsletter genuina.
Promettiamo solo 2 contenuti a settimana, e solo post! (NO SPAM, NO MAIL PROMOZIONALI)

Inserisci la tua mail