Content Marketing

Il Content Marketing batte la Pubblicità: ricavi più alti per i contenuti [Ricerca]

Che il Content Marketing fosse proficuo per intercettare un potenziale pubblico in target e trasformarlo da semplice utente interessato a cliente fidelizzato, era già stato confermato in numerose ricerche degli scorsi anni.
Non sapevamo però, che i ricavi derivanti dal Content Marketing crescessero più di quelli provenienti da attività di marketing e di pubblicità.

Un’indagine svolta da PQ Media e pubblicata su MarketingCharts, chiamata “Global Content Marketing Forecast 2017“, mostra come i ricavi da attività di Content Marketing prodotti da aziende specializzate nella creazione di contenuti (quindi sono escluse le attività gestite internamente dai brand e le attività di Digital PR esterne) siano cresciuti nel tempo, fissando a 28 miliardi di dollari i ricavi per il 2017, ma con una proiezione di crescita del 14,6%, portando dunque i ricavi fino a 32,1 miliardi per il 2018.

Analizzando l’andamento in un arco temporale più ampio, possiamo dunque notare come i ricavi, a partire dal 2011 ad oggi, siano più che raddoppiati.

Le previsioni di PQ Media definiscono il Content Marketing come “una piattaforma di marketing alternativo che si rivolge ad utenti specifici e profilati, fornendo contenuti mirati sui loro interessi e rivolti a soddisfare le loro aspettative informative“.

Tutto quanto dunque, differisce da product placement, spot televisivi, native adv o content marketing sponsorizzato.
Queste attività ricadono nella spesa di marketing e advertising e, secondo lo studio di PQ Media, i ricavi provenienti da queste attività sono fermi attorno al 5%, non sembrano neanche avere una previsione di crescita nei prossimi anni.

Quali le altre motivazioni per questa differenza di ricavi?

Beh, a parte il fatto che è ormai più di un decennio che l’Outbound (e Interruption) Marketing ha smesso di funzionare come un tempo, in favore di un marketing più orientato a fornire il giusto contenuto ritagliato su misura su piccoli gruppi omogenei di utenti e proposti contestualmente al touchpoint del ciclo d’acquisto in cui si trovano, in uno specifico momento.

A ciò andrebbe poi ad aggiungersi il fatto che gli utenti sono sempre più multitasking e utilizzano differenti canali per informarsi e farsi guidare verso l’acquisto.
Non cercano semplicemente canali che li spingano immediatamente verso l’acquisto, perché prima di decidere cosa acquistare, vogliono informarsi. Un’azienda in grado di identificare i canali seguiti dagli utenti e fornire contenuti mirati per tutti gli step del funnel di acquisto (e in grado anche di monitorare le azioni degli utenti in questi canali e sui propri contenuti) riesce poi a vincere il mercato.

Il limite della pubblicità è anche insito nella limitata disponibilità degli spazi (web e non) in cui opera, e nei costi (più alti).
Pensiamo ai banner pubblicitari, che molti utenti bloccano con le estensioni ad blocker installate nei browser o agli articoli sponsorizzati, che per obbligo devono essere comunicati al lettore (che riesce dunque a fiutare più facilmente la natura promozionale/commerciale dietro al contenuto).

I canali di Content Marketing più redditizi.

L’indagine fornisce anche informazioni relativamente ai canali di Content Marketing più in crescita.

1. Stampa brand e magazine digitali sono i canali che hanno ottenuti margini di ricavo più alti nell’ultimo anno.

2. Canali digitali
Questo mercato è suddiviso in modo più uniforme tra:

– webinar e presentazioni aziendali;
– contenuti social e visual della marca;
– case study;
– contenuti per dispotivi mobili;
– app.

Nell’ultimo anno i contenuti per dispositivi mobili e le app sono cresciuti maggiormente rispetto a webinar e presentazioni.

3. Canali non testuali

Nel mix del Content Marketing rientrano anche quei canali (on e offline) che pur non avendo contenuto “testuale”, contribuiscono a fornire contenuti di valore per gli utenti interessati.
Parliamo di eventi , dvd video, branded games e tool, ecc.

Concludendo, il marketing dei contenuti è sempre più florido e sempre più orientato alla conversione, intendendo per conversione l’acquisizione di un prospect nei vari step del funnel in cui si trova, fino a portarlo nella parte più bassa e trasformarlo in cliente.

Co-founder dell'agenzia, laureato in Marketing e Comunicazione d'azienda. Esperto di SEO e Content Marketing e autore del libro "Content Marketing per Blog, Social e SEO". Ama progettare strategie digital orientate allo sviluppo di visibilità online. Come SEO ha lavorato in prima persona a differenti progetti complessi in settori ad elevata competizione. Scrive di SEO anche sul blog di SEMrush. Tra le sue passioni i videogames, il rock, i fumetti e tutto ciò che è sci-fi e horror.

Guarda tutti i post di

Area di discussione: dicci la tua!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Grazie per lo share!

Puoi decidere di non perdere neanche un contenuto del nostro blog!

Iscriviti alla nostra newsletter genuina.
Promettiamo solo 2 contenuti a settimana, e solo post! (NO SPAM, NO MAIL PROMOZIONALI)

Inserisci la tua mail