marketing 2.0, Social Media Marketing

Foto e citazioni conquistano engagement e impression degli utenti [RICERCA]

Ricordiamo tutti, o quasi, il vecchio tipo di navigazione web del passato. Molto asettica e statica, non prevedeva interazione ne condivisione, ne tanto meno partecipazione. Rappresentava un “luogo vetrina” attraverso il quale l’utente apprendeva informazioni, senza poterle divulgare o diffondere su larga scala, se non alla propria ristretta cerchia di conoscenti attraverso le bistrattate mail.

Questo scenario, non è più dei giorni nostri, siamo abituati a ben altro, anzi mentre scrivo queste parole, quasi quasi mi suonano strane. Il web è totalmente cambiato si è evoluto in modo sorprendente e appassionante!

L’avvento del Social Web, e l’inevitabile creazione del Social Business correlato, ha favorito la proliferazione di attività, essenzialmente basate sulla produzione di contenuti, studiate proprio per i social network. Tali attività però, non possono certamente essere studiate a tavolino e preventivamente, perché ricordiamo che quando si ha a che fare con i social network ci si rapporta con reti di persone in relazione tra loro e con le aziende. Per questo, per studiare a fondo come un sistema di interazione sociale possa produrre degli effetti desiderati, e mi riferisco a rapporti azienda-cliente, è importante capire i mood delle persone che li utilizzano, valutare le differenti personalità e produrre contenuti (perché nel social web di contenuti si parla) adatti a quello specifico profilo di pubblico.

Essenzialmente, i contenuti condivisibili sui profili nel web sociale sono differenziati in:

  • Video: You tube ci basa la sua attivtà social;
  • Testo: Twitter dà spazio solo ai contati 140 caratteri, anche se attualmente si è aperto anche a contenuti multimediali;
  • Multimedia: Facebook o Google+ rappresentano il modo più variegato dei social. Permettono la pubblicazione di contenuti differenti ma in particolare di video, foto e testo.

A partire dai contenuti, un’ultima ricerca condotta da Roost, ha analizzato come, essi detengano il ruolo di padroni su Facebook e Twitter. L’indagine è stata condotta nel mese di Settembre 2011, su 10.000 status update provenienti da pagine aziendali su Facebook e Twitter, di 8.000 piccole imprese di 50 differenti settori merceologici. E i dati che ha rivelato sono davvero interessanti, se non altro perché permettono di capire come utilizzare al meglio i due profili per ottenere un miglioramento sia delle impression sui contenuti che in engagment.

Ma approfondiamo meglio.

I tre contenuti d’oro di Facebook

Facebook, è spesso oggetto di studio da parte del settore marketing, probabilmente perché è la piattaforma più utilizzata, grazie proprio alla sua versatilità nella produzione dei contenuti differenziati (video, foto, status, link, ecc..), che gli consente di prestarsi meglio a una promozione a “tutto tondo” aziendale, basti pensare non solo alle pagine business, ma anche alla possibilità data dalle applicazioni proprietarie o alla possibilità di integrare un pezzo di azienda, con minisiti, all’interno della piattaforma (certificati SSL permettendo).

Tornando alla ricerca. Il report ha ancora una volta confermato, che su Facebook, i “mi piace” e i commenti, scatenano la molla interattiva negli utenti, quindi dell’algoritmo dell’edgerank e graphrank. In particolare emerge che è proprio il “mi piace” a dare la carica a tutti gli altri utenti ad interessarsi del contenuto condiviso.

Tra i tre metodi preferibilmente utilizzabili su Facebook abbiamo:

  • al primo posto la pubblicazione di foto o immagini, che dai dati registrano un buon 50% di impression in più rispetto a contenuti testuali;
  • al secondo posto ci sono le citazioni con il 22% in più se confrontati con altri tipi di contenuto, o la creazione di status update aziendali, che contengano informazioni convincenti provenienti dall’azienda stessa;
  • al terzo posto, ci sono le domande che generano commenti due volte di più rispetto a qualsiasi altro messaggio.

Inoltre, è importante sottolineare che, se si vuole innescare l’azione di condivisone del contenuto, è bene postare link provenienti da fonti esterne i quali la possibilità di essere ricondivisi l’87% in più delle volte, rispetto ad altri tipi di messaggio.

Il podio di Twitter

Su Twitter, invece emerge che le migliori fonti di engagement sono nell’ordine:

  • le citazioni, che con il 54% di possibilità in più di essere retweettati, diventano lo strumento più efficace per diffondere un proprio contenuto;
  • al secondo posto, ci sono gli status update che rappresentano la seconda fonte di engagement sia per i retweet che per l’aumento di interazioni con i profili.

Aggiungerei a quanto detto, qualche impressione personale sull’uso di questi profili a livello aziendale.
Per quanto riguarda Facebook, ritengo che certamente l’uso di immagini è un ottimo strumento per permettere l’aumento delle interazioni, l’abbiamo testato anche noi sui nostri profili, e per quanto riguarda Twitter, diffondere contenuti di valore consente ai messaggi stessi, di essere spinti su più ampie distanze.

Tuttavia alla base di tutto, ci devono essere tre componenti fondamentali:

  • predisposizione all’interazione alla comunicazione social attraverso il web da parte dell’azienda, per la consueta regola di non porsi sul piedistallo e comunicare con gli utenti in modo semplice e “naturale”;
  • costruire un buon piano editoriale per la pubblicazione e scelta dei contenuti di interesse, che magari racconti una storia dell’azienda;
  • affiancare all’ottima attività online social, un’ottima attività offline di servizi e prodotti, alla fine è la soddisfazione dell’utente offline che genera il successo online.

E voi che ne pensate? Che tecniche utilizzate per generare interazione su Facebook o Twitter?

Co-founder dell'agenzia, si occupa di sviluppare strategie Social e di Link Building intervenendo nell'ideazione, scelta e creazione dei contenuti nonché sviluppo dell'interfaccia comunicativa dei contenuti. In ambito design è occupata nello sviluppo di siti web, dalla radice all'interfaccia, e nella realizzazione di contenuti che siano più efficaci per comunicare in rete: infografiche, grafiche specifiche per i Social, User Interface per siti e landing page.

Guarda tutti i post di

Area di discussione: dicci la tua!

Una replica a “Foto e citazioni conquistano engagement e impression degli utenti [RICERCA]”

  1. […] uno studio dei social media più utilizzati (confermato in questi giorni anche da esperti analisti) abbiamo notato che la gente è molto attratta dalle “frasi celebri” […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Grazie per lo share!

Puoi decidere di non perdere neanche un contenuto del nostro blog!

Iscriviti alla nostra newsletter genuina.
Promettiamo solo 2 contenuti a settimana, e solo post! (NO SPAM, NO MAIL PROMOZIONALI)

Inserisci la tua mail