marketing 2.0

7 previsioni di Digital Marketing per il 2016

Come ogni chiusura anno, anche quest’anno cerchiamo di analizzare quali potranno essere i trend che vedremo diventare realtà nei mesi a venire.
Innanzitutto vediamo però a quali cambiamenti abbiamo assistito quest’anno.

Oltre ad un’esplosione dell’uso, spesso smodato, del real-time marketing, abbiamo visto come gli utenti si siano concentrati sempre più su un’unica piattaforma sociale, che è Facebook, abbandonando progressivamente gli altri social network.
Facebook domina il mondo del social networking, mentre il suo rivale primario, Twitter, sembra in costante difficoltà.

Il 2015 lo ricorderemo anche come l’anno in cui è esploso l’utilizzo delle Social Chat Application, di cui, le più importanti per numero di utenti attivi (Whatsapp e Facebook Messenger), sono di proprietà di Facebook e come l’anno che ha determinato il successo del medium “video” contrapponendosi a quello per anni più utilizzato, l’immagine.

Quest’anno si è parlato molto anche di Native Advertising e Branded Content ma è anche il Content Marketing, concetto non di certo recente, che è ancora sulla bocca di tutti e che finalmente viene adottato in modo più operativo (e non solo teorico) anche nel nostro Paese.

Ecco cosa ci attende per il 2016.

1. Mobile first (per tutto il marketing)

Da concetto teorico fino a quest’anno, diventerà probabilmente realtà nel 2016. Quando si progettano siti web e contenuti questi solitamente vengono sviluppati a partire dalla loro versione desktop e poi adattati alla versione tablet e a quella smartphone.
Si rende quindi responsiva la versione primaria realizzata (quella desktop).
Il concetto di “mobile first” richiede di invertire però la tendenza e di partire dallo sviluppo della versione mobile e di adattarla successivamente ai device tablet e desktop.
E questo andrà fatto anche per le campagne di Content Marketing.

mobile-first
Fonte immagine: Greggemedia.com

2. Le Social Chat App e il Social Media Messaging ancora più protagonisti

Sarà il 2016 l’anno dell’adozione di massa delle Social Chat App, anche in Italia? Il 2015 ha visto segnali importanti a riguardo, come testimoniato anche nel nostro intervento sull’argomento tenuto al Social Media Strategies a Bologna e probabilmente l’anno seguente vedremo molte più aziende presenziare canali di social chat app e attivare iniziative creative rivolte a quel target.

199074
Fonte immagine: Emarketer

3. Il web marketing non sarà più un canale del marketing, ma diventerà quello dominante

L’utilità dei canali web, legata alla tracciabilità (e convenienza) del ritorno dell’investimento legato alle attività web farà in modo che il web marketing arrivi a diventare la strategia preferenziale per la gran parte delle aziende di ogni settore e arriveremo presto a non dover più distinguere il marketing dal web marketing, perché non si potrà più parlare di sviluppo del brand e di promozione aziendale senza fare a meno dei canali web.

4. La misurazione del ROI sarà fondamentale

Ricollegandoci al punto 3, il web marketing è costellato da una serie di piattaforme e strumenti utili che permettono oramai la misurazione di ogni tipo di obiettivo e kpi’s. Basti pensare all’evoluzione dei Facebook Ads nel corso degli ultimi anni.
Ormai è tutto tracciabile e misurabile e l’imprenditore potrà conoscere sempre più in profondità quanto rende ogni suo singolo euro investito in strategie di web marketing.
L’efficienza di misurazione del ROI dei canali web supera ormai quella dei canali tradizionali.

5. Interactive Content Marketing & Big Data

In un universo digitale sempre più colmo di contenuti di ogni formato che, in effetti, rasentano la saturazione, per innovare e cercare di raggiungere l’interesse degli utenti e degli editori bisognerà puntare a contenuti che informino l’utente predisponendo una grossa mole di dati con cui poter interagire per generare evidenze e correlazioni tra gli stessi dati.
Vedremo quindi contenuti sempre più complessi che condividono informazioni e dati resi disponibili per la prima volta in un formato innovativo.

6. Gli influencers saranno sempre più utili alle aziende

Questa affermazione è sempre più realtà. Personalità autorevoli e influenti di un settore sono molto utili alle aziende per ampliare le possibilità di conversazioni degli utenti che possono generarsi.
Gli influencers generano valore e amplificano la voce del brand e le aziende dovranno sempre più comprendere come coinvolgerli nelle loro iniziative di marketing.

7. Realtà virtuale

Il 2016 vedrà il lancio ufficiale dell’Oculus Rift sul mercato, per tutti e non più soltanto per gli sviluppatori. Dato che il dispositivo principale è nelle mani di Facebook, potremo sicuramente aspettarci un’evoluzione delle potenzialità di marketing che potranno scaturire proprio da questi prodotti e da questo “nuovo” mondo.

E secondo te, c’è qualche altro trend che prenderà piede nel 2016?

Co-founder dell'agenzia, laureato in Marketing e Comunicazione d'azienda, ha fatto dei Motori di Ricerca e dei Social Media la sua passione. Esperto di Content Marketing e autore del libro "Gestisci Blog, Social e SEO con il Content Marketing" si occupa di sviluppare strategie digitali finalizzate alla crescita di visibilità e fatturati di grandi aziende e Pmi.

Guarda tutti i post di

Area di discussione: dicci la tua!

  • spinosimarketing

    Concordo pienamente con le 6 previsioni anche se molto dipenderà dalla cultura degli uomini di marketing all’interno delle aziende. Queste 6 previsioni a livello extra italiano rispecchieranno molto di più il trend descritto mentre credo che nel nostro paese faremo molto più fatica ad evolvere velocemente verso tale direzione nel 2016.

Grazie per lo share!

Puoi decidere di non perdere neanche un contenuto del nostro blog!

Iscriviti alla nostra newsletter genuina.
Promettiamo solo 2 contenuti a settimana, e solo post! (NO SPAM, NO MAIL PROMOZIONALI)

Inserisci la tua mail