Social Media Marketing

Miglior giorno e ora per postare su Facebook e Twitter: è un’utopia?

Lo studio dei social, le sue evoluzioni, i continui cambiamenti algoritmici, novità, miglioramenti e inspiegabili cambi di rotta, sono i “problemi” quasi quotidiani che un community manager, ma anche un analista o content manager, deve affrontare per cercare di spremere al massimo il canale ed ottenere quanto più di buono possibile.

Sicuramente l’essenziale è riuscire, in tutto questo processo, a monitorare costantemente l’attività sociale a fronte dei cambiamenti che il canale riceve per poter poi rielaborare, conservare la strategia di pubblicazione dei contenuti.

Il canale sempre più problematico, il figlio problematico dei social, quello che richiede più attenzione è delicatezza è Facebook che, con i suoi costanti cambiamenti, spesso impedisce realmente di poter pianificare una strategia di contenuti che sia applicabile e valida nel tempo. Uno dei motivi di quanto affermo è dovuta ad esempio al cambio di rotta sulla visibilità delle immagini a favore dei video che ha messo “in crisi” diversi piani editoriali basati su contenuti visuali statici che, eppure, riscuotevano un grosso successo tra il pubblico.

Il processo se vogliamo si è verificato anche su canali come Twitter dove i manager, abituati ad usare contenuti esclusivamente testuali, si son ritrovati a dover pensare anche a contenuti visuali e multimediali per Twitter.

Altro problema consistente è quello di cercare o meglio individuare il momento migliore per postare su ogni canale per massimizzare l’efficacia di un post.

Si può fare affidamento sul buonsenso, ed un po’ di autocritica, cercando quei momenti in cui un contenuto potrebbe suscitare più attenzione (ad esempio una foto di una lasagna a pranzo), piuttosto che suscitino repulsione (un big mac ad ora di colazione), ma ci sono altri importanti aspetti che coinvolgono la scelta del contenuto più idoneo.

1. Prima di tutto, come dicevo prima, il tempo di visibilità del contenuto e la durata che esso ha nello streaming. Se da un lato, ad esempio, un contenuto di Facebook può rivivere anche il giorno dopo, o a giorni di distanza, per via dello story bumping, lo stesso non può avvenire per Twitter dove il contenuto vive nell’istante in cui è prodotto, a meno che non ci sia un retwit anche se solitamente avviene nell’immediatezza della visione del post. Considerato questo potrebbe, di fatti, esser opportuno nel caso di Facebook che una foto di una colazione venga pubblicata in tarda serata, mentre su Twitter in primissima mattinata.

2. In secondo luogo entra in gioco il fattore “connessione degli utenti”. É noto come non tutti gli utenti sono connessi a Facebook e Twitter costantemente, ci sono momenti della giornata più affollati e momenti meno, così come giorni della settimana più frequentati e altri meno. Se è vero che con il mobile questo aspetto è bypassabile, in quanto in mobilità ogni utente è potenzialmente sempre connesso, bisogna sempre considerare che l’utente da desktop è più rilassato, sta passando del tempo libero e ha meno fretta di consultare e “buttar via” un contenuto perché in una condizione di tranquillità.

Tra questi due aspetti, mentre il primo è essenzialmente connesso alla qualità delle scelte svolte in fase di stesura del piano editoriale, nel secondo caso parliamo quasi di scienza.

Prevedere quanto un contenuto sia apprezzato, o visibile, è essenzialmente connesso all’analisi dei dati interni ottenuti osservando la vitalità della pagina. Cosa vuol dire. Prendere in mano i dati degli insights (ad esempio il grafico a balena di Facebook) o di tool che analizzano queste informazioni, permette effettivamente di racimolare utili notizie su quanti like si sono raggiunti e in che momenti della giornata, nonché conoscere i giorni di maggior interazione e dedurne come ipotesi che all’ora tot, nel giorno tot è meglio postare il contenuto di tipologia x.

Balena Facebook

A supporto di questa attività interna, si possono affiancare informazioni provenienti dall’esterno, in particolare ottenuti da studi finalizzati a delineare i momenti migliori di pubblicazione su un canale. Periodicamente ne vengono pubblicati di diversi, ed è interessante tenerli in considerazione anche come termine di paragone con la propria attività, nella previsione di lanciare eventuali test sfuttando orari suggeriti dalla ricerca.

E sono ancora i social più popolari a parlare: Facebook e Twitter.

La prima ricerca di Klout, ha analizzato sia Facebook che Twitter.

  • Per Facebook,  il target di analisi ha riguardato 25 milioni di messaggi e 104 milioni di interazioni con i post e loro somministrazione per giorno e ora (ottobre 2014-febbraio 2015);
  • nel caso di Twitter invece Buffer ha preso in esame 4,8 milioni di tweet prodotti da 10.000 profili analizzando click, engagment e tempi di pubblicazione (ottobre 2010-marzo 2015). Entrambi gli studi hanno preso in campione città sparse in diversi continenti, ovviamente abbiamo preso in esame i dati europei.

Facebook

Nel caso di Facebook è simpaticissima l’idea ripresa in un post di “non dire al tuo capo che il momento migliore per postare su Facebook è durante i giorni feriali”. Sembra confermata l’ipotesi già paventata da altre ricerche, secondo cui il miglior giorno in cui postare sul social è feriale e in particolare ricadrebbe nelle prime ore mattutine di martedì, ma anche mercoledì ha un buon successo, in Europa come nel mondo. Quasi esponenzialmente il traffico sulle interazioni tende a calare durante il weekend, per poi ritornare a risalire il lunedì per un processo abbastanza naturale.

Facebook reaction
Alla luce di questo dato, dunque, sembra che metà settimana sia il momento migliore per somministrare contenuti periodo che coincide con il più alto tasso di volontà di interazione da parte degli utenti che, però, tendenzialmente rimane costante durante tutta la settimana.

Facebook-week-graph

Twitter

Per quanto riguarda Twitter, coerentemente con quanto espresso già in precedenti ricerche che abbiamo analizzato, le prime ore della mattinata sembrano riscuotere maggior successo in termini di click, mentre per le interazioni come retwit o aggiunta de “il preferito” bisogna attendere la tarda serata.

L’ora in cui gli utenti sono maggiormente connessi ricadrebbe tra le 9 e le 11, ora locale, periodo in cui si verifica anche il maggior traffico di twit sul canale.

Most-Popular-Time-to-Tweet-Europe-659x800

Tendenzialmente questi dati ci fanno capire che forse andrebbe evitato di pubblicare in ore con un elevato traffico di cinguettii per evitare che il contenuto sprofondi nel dimenticatoio per via della grande quantità di dati che circolano, dunque potrebbe esser utile sfruttare gli orari meno trafficati ma con una punta di utenti maggiormente connessi: in Europa ad esempio i twit di prima mattina (7-9) o tarda serata (23-in poi) sarebbero quelli con maggior tasso di interazione e visualizzazione.

Per quanto riguarda invece il giorno migliore in cui postare su Twitter, fatta premessa che su questo canale la costanza è tutto, sembra anche in questo caso che vinca l’infrasettimanale tra il martedì’ ed il mercoledì giornate vincenti per twittare in Europa, mentre i primissimi giorni della settimana sembrano esser quelli in cui c’è una maggiore propensione ad interagire sul canale.

Twitter reactionTwitter-week-graph

Dati alla mano possiamo dunque cercare di migliorare le nostre strategie per Facebook e Twitter per raccogliere maggiori risultati. Che peso date a ricerche di questo tipo?

Co-founder dell'agenzia, si occupa di sviluppare strategie Social e di Link Building intervenendo nell'ideazione, scelta e creazione dei contenuti nonché sviluppo dell'interfaccia comunicativa dei contenuti. In ambito design è occupata nello sviluppo di siti web, dalla radice all'interfaccia, e nella realizzazione di contenuti che siano più efficaci per comunicare in rete: infografiche, grafiche specifiche per i Social, User Interface per siti e landing page.

Guarda tutti i post di

Area di discussione: dicci la tua!

  • Pierpaolo Voci

    Ciao Maria Pia. Articolo condiviso alle 18 e 37. Rientro nei dati? 😉 A parte gli scherzi io queste ricerche le analizzo, le discuto con gli altri e cerco sempre di adattarle a quello che è il target ma soprattutto la strategia adottata per il cliente. Ciao e buona serata.

    • Ahah! Pierpaolo, alla fine tutto sta nel provare e cercare di trarre il buono da ogni studio.

      Personalmente possiamo affermare che su Twitter il dato è più che attendibile, da diverso tempo “osiamo” postare intorno alle 22 e effettivamente otteniamo molto più riscontro che in altri orari dove, la mole di twit, fa sprofondare il contenuto.

      Su Facebook invece.. no comment!

      • Pierpaolo Voci

        Facebook terno al lotto fu Maria Pia! Ciao e buon fine settimana.

  • vincos

    segnalo che secondo un nostro studio su Twitter in Italia gli orari sarebbero diversi http://vincos.it/2015/06/10/italiani-su-twitter-conversazioni-e-umori/

    • Saranno discostamenti dovuti al fatto che il vostro target è totalmente italiano, mentre nella ricerca si parla di statistiche europee..

      Tuttavia i vostri dati sommariamente mi sembrano abbastanza in linea a quanto espresso nella ricerca di Klout e Buffer, utenti in settimana più attivi e tarda serata traffico maggiore.

  • Interessante articolo. Io piu o meno posto tutto il giorno ad orari diversi.

  • Fabrizio Giancaterini

    Aggiungo che oltre a quando postare, è importante progettare con quale ritmo farlo. Ho scritto al riguardo questo http://www.upgo.news/come-gestire-pagina-facebook/

Grazie per lo share!

Puoi decidere di non perdere neanche un contenuto del nostro blog!

Iscriviti alla nostra newsletter genuina.
Promettiamo solo 2 contenuti a settimana, e solo post! (NO SPAM, NO MAIL PROMOZIONALI)

Inserisci la tua mail