marketing 2.0, Social Media Marketing

Business locali e local SEO: 9 consigli per ottimizzare al meglio la presenza online

Investire su Internet per sponsorizzare una propria attività, oggi come oggi, è una strategia che funziona in modo ottimale date le differenti possibilità che offre il canale come le note attività di SEO, siti specializzati, social network o le semplici campagne promozionali su Google, Facebook o Twitter. Senza contare poi la possibilità di combinare insieme le azioni promozionali, creando strategie multicanale che permettono di “colpire” specifici target in specifici momenti.

E’ diffusa la consapevolezza che i consumatori, quando sono alla ricerca di opinioni, recensioni o consigli in genere, utilizzano internet attraverso i diversi canali e, questo è valido, soprattutto in concomitanza di acquisti, viaggi o per la ricerca di recensioni ecc.. o ancora per conoscere la qualità di un prodotto, distribuito da un’azienda nazionale.

Ma come si comportano i consumatori nella ricerca di business locali?

Uno studio condotto da PEW Research, evidenzia come internet giochi un ruolo fondamentale anche nella comunità locale soprattutto nel ricercare informazioni riguardanti i business dei proprio paesi o città. In particolare la ricerca ha il suo focus su due settori così suddivisi:

  • quello riguardante la ristorazione (ristoranti, bar, discoteche ecc..);
  • tutti gli altri settori (escluso la ristorazione).

E i dati presentati sono i seguenti.

Attività ristorative

Lo studio rivela che il 55% degli intervistati sono informati su ristoranti, bar e discoteche locali. Ed emerge che i canali attraverso i quali hanno ottenuto le informazioni, notizie o promozioni sono :

  • Internet nel 55% dei casi. In particolare i motori di ricerca, nel 38% dei casi sono la maggiore fonte, seguita dai siti specializzati nel settore con il 17%, i social media solo il 3%;
  • La carta stampata per il 31%;
  • il 23% attraverso passaparola
  • e l’8% su spot e programmi TV locali.

Altre attività

Il 60% degli intervistati, dichiara di avere informazioni su altri tipi di attività locali e che la fonte principale sul quale hanno fatto affidamento per reperlire anche in questo caso è:

  • internet nel 47% dei casi (di cui 36% utilizza i motori di ricerca, 16% siti specializzati e 1% social media);
  • il 30% usa i giornali;
  • il 22% si basa sul passaparola;
  • l’8% su spot e programmi TV locali;
  • e il 5% ottenute da radio locali.

I dati di questa ricerca, evidenziano sicuramente che internet diventa il canale più utilizzato a scapito dei media tradizionali nel reperire informazioni su attività locali, ma la riflessione che viene spontanea è i business locali hanno a loro disposizione un grosso strumento da poter sfruttare.
Ma come farlo al meglio? Quali sono gli strumenti più adatti? Come un business locale può farsi ricercare su internet?

Ecco 9 dritte fondamentali, ed essenziali, che possono aiutare un buisness a essere ricercabile localmente.

1- Google Places.

Rappresenta il primo step fondamentale per farsi trovare online localmente. Google metta a disposizione questo strumento che, per il solo fatto di essere proprio di Google, permette di indicizzare in brevissimo tempo le informazioni riguardanti la posizione geografica dell’attività registrata come luogo. Dopo una semplice procedura di iscrizione del luogo e dopo una fase di verifica dei dati, è possibile personalizzare nel dettagli le informazioni con numero di telefono, sito ecc..

2- Contenuti del blog aggiornati e local.

Ricerca locale significa dotare il proprio sito delle giuste parole chiave che non solo identifichino l’attività per ciò che commercializza, ma soprattutto che le permettano di essere localizzata in una specifica area. Come farlo? Innanzitutto bisognerebbe fare un’analisi sulle ricerche locali per individuare quelle 3-4 parole chiave più ricercate per quell’area geografica e quindi applicare degli interventi SEO sul sito. In più, accompagnare il seo da un blog settoriale che tratti argomenti che ruotano intorno al proprio settore merceologico. Applicando questi interventi si permette non solo di avere un sito posizionato nei motori di ricerca per l’area di interesse, ma anche di accrescere l’autorevolezza del business nonché di disporre di un sito sempre aggiornato e con contenuti freschi.

3- App.

E’ una delle nuove frontiere del marketing, che ben presto prenderà piede, creare un’App per smartphone da distribuire gratuitamente e che abbia non solo uno scopo di presentazione dell’attività ma che debba esser anche caratterizzata da due componenti: utilità e ludicità.

4- Catturare i navigatori mobile attraverso siti mobile.

Poichè i consumatori sono sempre più alla ricerca di informazioni sulle aziende attraverso dispositivi mobili come smartphone e tablet, è fondamentale che un business locale preveda di mettere a disposizione degli utenti, siti che siano mobile-friendly e cioè che permettano di navigare attraverso i dispositivi mobile in modo semplice e usabile. Avere un sito mobile, apporta dei benefici notevoli al business perché non solo aiuta ad essere visibili anche via mobile evitando la frustrazione di dover navigare un sito non correttamente visualizzato sui disposivi, ma rafforza anche l’engagement dato che al consumatore vengono fornite da mobile solo le informazioni di cui necessita in mobilità e infine incrementa la visibilità dato che un sito mobile permette di raccogliere anche quella fetta di clienti che si connettono dai dispositivi.

5- Ads.

Periodicamente, in concomitanza di saldi o offerte o eventi speciali, sfruttare meccanismi di PPC per catturare più velocemente l’attenzione dei consumatori. Scegliere al meglio il canale di sponsorizzazione (Google, Facebook, ecc..) anche sulla base della fonte di traffico che il sito riceve.

6- Geolocalizzazione.

Forse è la scelta più scontata, ma è importante costruire un presenza sui canali di networking basati sulla geolocalizzazione. Offire sconti e promozioni è uno degli strumenti più efficaci, perché incentivati, per attirare pubblico verso la propria attività.

7- Sfruttare i Rich Snippets.

I rich snippets rappresentano dalle descrizioni aggiuntive che vanno appunto ad arricchire i risultati delle SERP. Vengono in genere distinti da alcune stellette che compaiono negli snippets dei risultati o altre informazioni testuali contrassegnate da codici di marcatura specifici (microdati, microformati e rdfa), unificati ora dal linguaggio condiviso da Schema.org. Il loro utilizzo è utile in quanto aumenta il CTR (click-though-rate) dei risultati e a livello locale, oggi finiscono anche all’interno dei risultati delle mappe di Google.

8- Sfruttare le directory tematiche locali e ottieni citazioni da siti locali.

E’ necessario individuare le directory locali per l’inserimento del proprio sito web dopo averle valutate a dovere e associare ad esso una campagna di link building con siti locali e ritenuti in “trust” per Google. I link da siti web in trust locali e a tema aiuteranno a rendere l’attività più visibile localmente.

9- Sfruttare anche l’offline per il Networking e il Personal Branding.

Partecipare ad eventi locali e costruire un network di relazioni locali con cui condividi anche la stessa nicchia di mercato (fornitori locali, distributori locali, partners locali, ecc.), renderà più semplice e facile il passo di ottenere link e citazioni dai siti del proprio network professionale locale.

Gli esperti SEO mondiali hanno posto l’accento sul posizionamento delle attività a livello locale come una delle novità seo dell’anno, quindi, sfruttare questa lista di consigli può essere molto utile per accrescere la tua visibilità a livello locale.

Co-founder dell'agenzia, si occupa di sviluppare strategie Social e di Link Building intervenendo nell'ideazione, scelta e creazione dei contenuti nonché sviluppo dell'interfaccia comunicativa dei contenuti. In ambito design è occupata nello sviluppo di siti web, dalla radice all'interfaccia, e nella realizzazione di contenuti che siano più efficaci per comunicare in rete: infografiche, grafiche specifiche per i Social, User Interface per siti e landing page.

Guarda tutti i post di

Area di discussione: dicci la tua!

Grazie per lo share!

Puoi decidere di non perdere neanche un contenuto del nostro blog!

Iscriviti alla nostra newsletter genuina.
Promettiamo solo 2 contenuti a settimana, e solo post! (NO SPAM, NO MAIL PROMOZIONALI)

Inserisci la tua mail