new media design

La teoria dei colori e il Social Media: scienza o semplice tendenza?

Chi lavora nel marketing e nella comunicazione (offline) conosce l’importanza che hanno i colori nel comunicare stati d’animo. I colori infatti diventano un potente strumento che amplifica l’emozione e il comportamento umano verso l’accettazione di un determinato prodotto.

Ma perché? La risposta è che alla base della teoria dei colori c’è una forte componente psicologica che ha influenza soprattutto sulle componenti dell’umore. Ecco che quindi, creare dei prodotti che abbiamo un colore che stimoli lo stato d’animo di acquisto, probabilmente porta a conquistare potenziali clienti. In questo, le aziende sono disposte a investire molto sullo studio dei colori, infatti, è solo conoscendo come usarli che si ha la possibilità di trasmettere un determinato sentimento al proprio pubblico e creare in lui un’esperienza che aiuterà a concretizzare una futura strategia di vendita. Basti pensare che le grandi aziende, spendono per la ricerca di mercato del colore milioni, proprio perché, gli psicologi sono convinti che la sensazione che trasmette un colore può determinare fino al 60% della accettazione o il rifiuto di un prodotto o servizio.

teoria dei colori

La psicologia alla base della teoria dei colori, che per anni si è occupata (e continua a occuparsi) dei colori nell’ambito della comunicazione offline, fa teoria e diventa utilissima quando si tratta di applicare quella stessa teoria sul web.

Diffusissimi sono su internet ricerche che riguardano la comunicazione dei colori nel web, in particolare i significati possiamo sintetizzarli come “colori caldi” (rosso, arancio e giallo) sono “eccitanti”, mentre i “colori freddi” (viola, blu e verde) trasmettono “calma”. Tenere ben a mente questie regole quando si progetta un sito web, o un marchio o qualsiasi prodotto web, diventa un modo per costruire un prodotto vincente che faccia presa sul navigatore. Quindi prima di tutto nella scelta dei colori, bisogna chiedersi “Come vuoi che i visitatori a reagiscano alla visione del design di un prodotto web”. Capire quindi che, il messaggio si vuole comunicare e il web design, non sono entità separate, ma intrecciate tra loro ed estremamente influenti nel comportamento e sentimento del visitatore.

Alla luce di queste considerazioni, possiamo dare un’occhiata a come (e se) molti social network che conosciamo, facciano uso (probabilmente) di questa teoria dei colori, al fine di trasmettere comportamenti e stati d’animo negli users.

Vorrei analizzare il caso esemplare, e forse il più eclatante, del colore blu.

  • Avete mai notato di come, molti social network, utilizzano le tonalità del blu come colore principale?
  • Vi siete mai chiesti come mai proprio quel colore?
  • Perché quando si parla di Web 2.0 il primo colore che ci viene in mente è l’azzurro/blu?
  • Può esser che la scelta che si è fatta del colore, sia una delle componenti che ha determinato la fortuna di queste piattaforme?

Leggendo su internet ho trovato un’intervista a Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook, dove alla domanda del perché avesse scelto il blu per il suo design del sito ha risposto:

“Sono daltonico, è l’unico colore che posso vedere”.
cit. Mark Zuckemberg

E la storia la conosciamo tutti.. Ora 500 milioni di persone in tutto il mondo restano connesse a un sito web “totally-blu” per ore ogni settimana.

Probabilmente Mark avrà fatto una scelta del tutto casuale (ma non banale), ma da questa sua scelta è partita un’azione da parte del web che ha portato a scegliere questo colore in modo diffuso da altri brand anche se, magari valutando, studiando e analizzando “il colore”, per poterlo adattare alle proprie esigenze di mercato.
Questo ha portato a un massiccio uso di quel colore, determinandone anche la diffusione.

A seguito della diffusione a macchia d’olio del colore blu tra i vari social network, si è determinata la correlazione tra il colore blu utilizzato delle piattaforme e il web 2.0. Insomma, si è generata una sorta di tendenza (o passaparola del colore), o se vogliamo definirla “moda” nella scelta del colore. Pensiamo ad esempio a come Foursquare o a FriendFeed (vedi inforgrafica), piattaforme nate successivamente, abbiano sfruttato le gradazioni di blu per i loro loghi.

Andando avanti, secondo me, molte start-up continueranno a utilizzare questo colore “dominante” nel mondo del web, per la voglia di condividere le associazioni positive correlate al colore , create e radicate nel web, dai loro fratelli più grandi.

Quello del blu di Facebook è solo un esempio, però la conclusione spontanea è che le scelte sui colori molto spesso son casuali da chi le fa per primo, ma è proprio quella scelta casuale che influenza le tendenze d’uso dei colori come un moda.

Quindi la scienza si scontra con la tendenza.. E chi vince? Probabilmente (o sicuramente) la tendenza.

Vi lascio un bellissimo pdf con la teoria dei colori in sintesi dal sito Paper Leaf da stampare..

.. e una infografica, molto interessante, sui colori utilizzati dai brand più diffusi nel web.

Co-founder dell'agenzia, si occupa di sviluppare strategie Social e di Link Building intervenendo nell'ideazione, scelta e creazione dei contenuti nonché sviluppo dell'interfaccia comunicativa dei contenuti. In ambito design è occupata nello sviluppo di siti web, dalla radice all'interfaccia, e nella realizzazione di contenuti che siano più efficaci per comunicare in rete: infografiche, grafiche specifiche per i Social, User Interface per siti e landing page.

Guarda tutti i post di

Area di discussione: dicci la tua!

  • complimenti, gran bell’articolo!ndi sicuro una teoria interessante qella dei colori scelti x moda, oltre ke x il loro comportamento psicologico, ke in effetti si posiziona in un contesto molto + grande del “solo” web e dei marki.nnulla di nuovo in effetti, ma un grande spunto x ki ha sana curiositu00e0 e nn si ferma alla lettura di un articolo, ma u00e8 alla continua ricerca… su come colorare la propria vita!n:)

    • Grazie!! nDi fatti negli articoli che scrivo, il mio intento u00e8 quello di cercare di fornire nuove interpretazioni e nuove riflessioni, su argomenti giu00e0 ampiamente dibattuti nella rete. nI colori fanno parte della nostra vita, di sicuro occupano la nostra esistenza, dato il potere che hanno. Il web u00e8 solo un canale che permette di sfruttare questo potere e trasferirlo al navigatore in modo da goderne a pieno proprio come avviene nella vita reale.nContinua a seguirci e a fornirci le tue preziose opinioni! Ciao! 😉

  • Ciao! Ti ho scoperta per caso nelle mie navigazioni internettiane e devo dire che mi sembri molto preparata e sicuramente da seguire d’ora in poi!nComplimenti e continua sempre cosu00ec Maria Pia! 😉

    • Ciao!! Ti du00f2 il benvenuto su Web in Fermento!!nTi ringrazio tanto per i complimenti, speriamo di crescere sempre di piu00f9, e i riscontri positivi ci spingono a migliorarci ancora di piu00f9!! Quindi grazie!! :)nnContinua a seguirci, e se hai qualche suggerimento non esitare a dircelo!! n;)

  • Salemi Elena

    Ciao,nil tuo articolo u00e8 molto interessante, le tue sono semplici supposizioni o hai letto qualche articolo in proposito? se si, puoi consigliarmi qualcosa? soprattutto sulla parte del perchu00e8 il web 2.0 u00e8 blu. Sono molto interessata all’argomento…nGrazie 🙂

    • Ciao Elena,ngrazie per aver letto lu2019articolo. Di solito quando scrivo articoli, cerco di mediare tra le conoscenze che estrapolo dalle cose che leggo e le mie impressioni personali, basandomi non su delle supposizioni ma su riflessioni sulla base di cose che conosco. Questo articolo u00e8 nato dalla lettura di un post americano di ColourLovers, del quale ho citato anche l’infografica, nel quale si parlava dei colori piu00f9 potenti del web e del fatto che il blu fosse diventato la scelta dominante negli ultimi anni da parte di grandi aziende http://www.colourlovers.com/business/blog/2010/09/15/the-most-powerful-colors-in-the-world. La mia riflessione a tal proposito u00e8 derivata dal fatto che se queste aziende stanno scegliendo il blu come colore principale, probabilmente non stanno valutando tanto lu2019importanza della comunicazione attraverso i colori, ma semplicemente che si lasciano guidare dalle nuove tendenze, dettate anche dal prevalere di Facebook (con il colore blu) nel web. 😉

Grazie per lo share!

Puoi decidere di non perdere neanche un contenuto del nostro blog!

Iscriviti alla nostra newsletter genuina.
Promettiamo solo 2 contenuti a settimana, e solo post! (NO SPAM, NO MAIL PROMOZIONALI)

Inserisci la tua mail