Ricerche

Growth Hacking Marketing: tutto quello che c’è da sapere

Articolo realizzato in collaborazione con TAG Innovation School

Cos’è il Growth Hacking? La definizione del termine nasce da un’intuizione di Sean Ellis, un processo che aziona la crescita esponenziale dell’impresa combinando analisi avanzata dei dati, programmazione e strumenti di Digital Marketing. Michael Brenner l’ha definito semplicemente “quello che il marketing doveva essere fin dall’inizio”.

Chi è il Growth Hacker?

Il Growth Hacker è un professionista che pensa fuori dagli schemi, lavora con budget limitati e tempi ridotti, ha una preparazione a 360°, un mindset data-driven, è creativo e innovativo, concentra gli sforzi sul progresso dei risultati dell’impresa.

Cosa fa il Growth Hacker?

Il Growth Hacker è l’esperto di Digital Marketing che si focalizza sull’individuazione e implementazione di tecniche per l’incremento rapido delle conversioni, base utenti, strategie per aumentare il traffico tramite test, sperimentazioni e creatività.

Quali competenze deve avere il Growth Hacker?

Il Growth Hacker possiede competenze trasversali che gli consentono di avere una visione ampia e un approccio verticale sulla crescita del business. Conosce i principi della programmazione, le dinamiche della User Experience, il product marketing, padroneggia gli strumenti del marketing digitale tramite A/B testing, SEO, SEM, Social Adv, Native Advertising e Direct Email Marketing.

Come diventare Growth Hacker?

Qual è il percorso disponibile oggi per diventare Growth Hacker, l’esperto di Digital Marketing scalabile?

TAG Innovation School, la scuola del digitale di Talent Garden, propone Growth Hacking Marketing, l’unico programma formativo completo per Growth Hackers in Italia, un Master part time nella sede di Milano e per la prima volta anche Roma. Un corso composto da 6 weekend: 108 ore di formazione dal vivo e 40 ore di formazione online, un ospite internazionale e un pitch finale con presentazione del proprio progetto personale.

Dove trova lavoro un Growth Hacker?

Un Growth Hacker può lavorare non solo in startup e piccole imprese, ma anche in imprese medie e grandi che vogliono introdurre il growth hacking come approccio alle base dei propri processi.

Quanto guadagna un Growth Hacker?

Secondo una ricerca di Indeed un Growth Hacker in America guadagna da 80.000 a 100.000 dollari annui ed è una figura che sta esplodendo anche in Europa con stipendi progressivamente in crescita.

Quali aziende di successo hanno applicato il Growth Hacking?

Tra i casi più famosi Facebook, Twitter, Dropbox, Quora, PayPal, Uber, Linkedin, Hotmail, Pinterest, Youtube, ma anche tante imprese meno popolari hanno utilizzato tecniche di Growth Hacking e integrato un team ad hoc focalizzato sulla crescita dell’impresa.

Quali sono i migliori libri sul Growth Hacking?

  • Lettura essenziale da cui partire è The Definitive Guide To Growth Hacking di Neil Patel, uno dei più noti Growth Hacker al mondo.
  • Per comprendere cosa sia il growth hacking a livello teorico c’è Growth Hacker Marketing di Ryan Holiday.
  • Growth Engines di Sean Ellis è ricco di casi studi e strategie applicate da aziende di successo.
  • Sprint di Jake Knapp spiega il metodo utilizzato da Google per risolvere problemi, testare e validare idee in soli 5 giorni.
  • Hooked di Nir Eyal (disponibile anche in italiano, Catturare i clienti) si concentra sul metodo con cui i prodotti di successo attirano e agganciano i clienti.
  • Traction di Gabriel Weinberg, infine, analizza i 19 canali per acquisire utenti.

Quali sono i migliori siti sul Growth Hacking?

GrowthHackers.com, il sito sul growth hacking fondato da Sean Ellis, Growth Hacker TV,portale che propone interviste ai più importanti Growth Hacker, il subreddit sul Growth Hacking ricco di risorse, consigli e contenuti di approfondire, e poi, in italiano, c’è Growth Hacking Italia.

Quali tool utilizza un Growth Hacker?

CrazyEgg, Pay With A Tweet, Colibri.io, Hello Bar, ExitBee, Qualaroo, Customer.io, Hotjar, Unbounce, Referral Candy, Marketo, Mixpanel, LeadzGen sono solo alcuni dei tantissimi tool utilizzati da growth hacker e marketer per far crescere i propri business. In rete si può accedere a decine di strumenti, free o a pagamento. Questa, ad esempio, è la lista dei 35 tool di growth hacking per non coder proposta da Kissmetrics.

Scopri come diventare esperto di Growth Hacking Marketing

Co-founder dell'agenzia, si occupa di sviluppare strategie Social e di Link Building intervenendo nell'ideazione, scelta e creazione dei contenuti nonché sviluppo dell'interfaccia comunicativa dei contenuti. In ambito design è occupata nello sviluppo di siti web, dalla radice all'interfaccia, e nella realizzazione di contenuti che siano più efficaci per comunicare in rete: infografiche, grafiche specifiche per i Social, User Interface per siti e landing page.

Guarda tutti i post di

Area di discussione: dicci la tua!

Grazie per lo share!

Puoi decidere di non perdere neanche un contenuto del nostro blog!

Iscriviti alla nostra newsletter genuina.
Promettiamo solo 2 contenuti a settimana, e solo post! (NO SPAM, NO MAIL PROMOZIONALI)

Inserisci la tua mail